Articoli con tag ‘industrie farmaceutiche’

Follia.

image

Oggi parliamo di qualcosa che non c’entra niente con l’alimentazione. Parliamo infatti di contraccezione ed in particolar modo di contraccezione femminile. 

Quelle che seguono sono osservazioni personali e di certo non vogliamo attirare su di noi le ire funeste di qualche ordine professionale, sevizio segreto o governo straniero, quindi diremo apertamente che tutto quanto segue è il vaneggiamento di una mente malata e che non deve essere tenuto in considerazione da nessun sano di mente.

Ecco fatto.

Adesso possiamo parlare liberamente, proprio come fanno i matti ed i bambini. Beati loro.

Siamo incappati in un sito sospetto. Non vi diamo il link, ma se cercate su Google “la pillola senza la pillola” ci arrivate da soli. 

Si tratta di un sito molto fashion, tutto rosa, molto femminile, almeno nelle intenzioni (le cose per le donne devono proprio essere tutte rosa e con i cuoricini?). 

Il suo messaggio, dopo un po’ che lo si legge, è piuttosto chiaro, ma questo ovviamente è parso a noi, che siamo affetti da follia acuta non meglio specificata e da manie di persecuzione.

Il sito nel suo complesso invita a fare uso di contraccettivi ormonali, in particolare indirizza le donne verso l’uso dell’anello vaginale. Lo fa in modo nemmeno molto sottile e lo fa in un momento in cui statistiche allarmate rivelano che in Italia poche donne usano la contraccezione ormonale rispetto alla media europea. 

Ma la pillola non protegge dall’AIDS. Il preservativo sì. E allora di cosa ci preoccupiamo? di che cosa stiamo parlando? perché questa media europea è così importante? perché le donne dovrebbero “adeguarsi” e iniziare a deglutire ormoni senza fare domande? Ci poniamo un po’ agitati queste domande e proseguiamo con la nostra rilassante visita al sito-confettino. 

Ci sono volti di medici (donne), c’è il marchio di una associazione professionale di medici ed il tutto sembra candidamente rivolto al fare informazione, ad aiutare le donne ad “essere consapevoli” a “poter scegliere”. Tanta bontà in questo mondo così crudele! Dobbiamo essere davvero al cospetto di qualcuno in odore di santità!

Scossi da tanta sollecitudine verso il prossimo, abbiamo allargato un rasserenante sorriso e ci siamo subito dopo fatti una domanda chiara: chi ha pagato tutto?

La risposta la troviamo un poco più sotto. I soldini li ha “donati” una industria farmaceutica americana, precisamente la Merck. Ma stiamo sempre farneticando. Non dateci retta. 

A questo punto però la nostra patologia ha raggiunto il suo apice e, pensate un po’, siamo andati ad indagare (con internet si fa prestino).

La domanda per la quale cercavamo una risposta era una sola: che cosa produce di bello questa industria farmaceutica?

E’ presto detto. La Merck produce il Nuvaring, l’anello contraccettivo vaginale più famoso del Pianeta.

Nel sito l’anello è presentato come il dispositivo con meno “Svantaggi” (nel dettaglio solo uno).

Il preservativo viene invece presentato con tre “Svantaggi”. C’è anche il “Vantaggio” di proteggere dalle malattie (solo in questa sezione viene spiegato!), ma questo non diventa uno “Svantaggio” nelle descrizioni dei sistemi che non garantiscono protezione e francamente ci sembra una cosa piuttosto curiosa.

Cioè il preservativo ha il “vantaggio” di salvarti la vita e l’anello vaginale non ha lo “svantaggio” di non farlo?

Non si tratta di un sito di informazione trasparente, ormai ci è chiaro (a conferma di questo si noti che la pagina dell’anello è la prima della serie ed è anche la più curata).

Ma sarà chiaro a tutte? sarà chiaro alle ragazzine alle quali il sito, nel suo aspetto coccoloso, sembra rivolgersi? 

Un medico dovrebbe prestare la faccia ad operazioni più trasparenti e maggiormente indirizzate alla salute pubblica che al profitto privato.

Ma è la nostra opinione, niente di importante.

Torniamo nella nostra camera imbottita. Buon week end! 

E se domani non sapete cosa fare, fate un salto al negozio biologico Essere, così assaggerete le nostre leccornie! 

😉

Essere
Via Marosticana, 293/D 
36031 Passo di Riva (Dueville) (VI)

Annunci

Tag Cloud