Articoli con tag ‘tumore’

SAR: come difendersi dal (proprio) telefono cellulare.

Telefoni Cellulari

Telefoni Cellulari

L’esposizione alle onde elettromagnetiche è quantomento da evitare, lo sappiamo, lo dicono in tutte le lingue gli studi scientifici e lo ripetono a gran voce anche alcuni articoli di giornale. Ma quanto davvero fanno male le onde che giornalmente ci auto-somministriamo (pure piuttosto volentieri) direttamente all’altezza della testa?

Esistono ovviamente studi che in grado di affermare che tali onde siano del tutto innocue ma, dal canto nostro, preferiamo sempre la prudenza, anche considerando che ci sono già stati preoccupanti casi di malattia neoplastica in soggetti che facevano un uso piuttosto efferato del telefono cellulare. Capitolo a parte riguarda i bambini, cui l’uso del telefono senza l’auricolare dovrebbe essere categoricamente vietato.

Come difenderci? senza dubbio con la già citata auricolare (eventualmente anche bluetooth, dotata di emissioni davvero contenute), un filo in più da tenere in tasca e la nostra testa non dovrà subire sospetti innalzamenti di temperatura dovuti alle onde elettromagnetiche del nostro apparecchio.

Onde Elettromagnetiche

Onde Elettromagnetiche

Tutto a posto? per niente! Al resto del corpo chi ci pensa? Il telefono viene tenuto spesso in tasca, sulla scrivania accanto a noi, sul comodino. E’ una fonte costante di onde e questo sembra non preoccupare nessuno. Tentiamo di evitare troppa prossimità e, se proprio lo stiamo portando con noi e non abbiamo una borsa, evitiamo almeno di metterlo nella tasca davanti dei pantaloni, accanto agli organi genitali (al limite preferiamo le tasche posteriori!) o sul taschino, davanti al cuore.

Ma come risolvere il problema alla radice?

Esiste uno strumento di facile utilizzo ma probabilmente ancora poco noto. Si tratta di un parametro che ci aiuta a comprendere quanto pericoloso sia per il nostro organismo un certo specifico modello di telefono.

Il parametro si chiama SAR, un acronimo che racchiude l’espressione Specific Absorption Rate e che indica a quanta energia, per chilogrammo di peso, saremo esposti. In pratica si tratta di un elemento che dovrebbe essere considerato come fondamentale per decidere se acquistare o no un telefono. Alcuni produttori lo indicano già nelle schede informative dei propri prodotti, altri lo faranno tra qualche tempo. Sul Web è già disponibile un database completo con quasi tutti i modelli presenti sul mercato, divisi per marca:

http://www.sardatabase.com/

Un valore abbastanza basso è prossimo allo 0.300 W/Kg, uno medio agli 0.700 W/Kg, uno alto è superiore a 1.000 W/Kg. Ci sentiamo di consigliarvi l’acquisto dei soli telefoni che abbiano un valore SAR inferiore a 0.400 W/Kg, ce ne sono di ottimi ed anche di poco costosi… indagate!

 

Annunci

Si è vegetariani perché…

La Terra

La Terra

Tra tutte le possibili risposte che si possono dare a questa domanda, crediamo che la prima e più “corretta” da un punto di vista etico consista nell’astenersi dal consumo di carni per il semplice fatto che, almeno in un paese dove il cibo abbonda, l’uomo può scegliere di non fare del male.

Quindi, dato che non fare del male è possibile (ed anche salutare, per noi e per il Pianeta) perché non scegliere in questo senso?

Sarebbe bello che, un giorno, l’uomo si dedicasse al Pianeta che lo ospita come farebbe un custode, non un oppressore.

Sarebbe bello.

Intanto la cosa che possiamo fare, proprio ora, è cercare di cambiare noi stessi e le nostre abitudini. Non ce ne rendiamo forse conto, ma la migliore “pubblicità” che possiamo offrire è proprio il nostro esempio, magari silenzioso.

E la nostra buona salute? pensate sia una cosa banale possedere una salute migliore ed (a quanto pare) invecchiare più lentamente?

Nel prossimo articolo inizieremo a parlare della meditazione, una pratica sempre più in voga ma sulla quale, come piace a noi europei, si fa moltissima confusione.

Perché si è vegetariani?

Immanuel Kant

Immanuel Kant

Perché mai qualcuno dovrebbe scegliere di diventare vegetariano? Si tratta di una domanda a cui non è facile rispondere con una frase e, a voler essere precisi, nemmeno con una mezza pagina di testo. Esistono una serie di motivazioni che spaziano dall’amore per gli animali all’ecologia, dalla salute alla passione un po’ new age di seguire la moda spirituale del momento. Ci piace pensare che la motivazione più importante di tutti, non per citare in modo un po’ leggero alcune pagine di Kant, sia quella che punti al compiere una azione per il solo fatto che questa vada compiuta, senza che ciò che ne ricaviamo sia in alcun modo legato alla nostra soddisfazione. In altri termini: è molto facile compiere una buona azione se lo facciamo in vista della ricompensa, meno facile è il compierla senza che nessuno sappia che siamo “buoni”.

Strano? pensate a quante persone fanno l’elemosina per strada pensando al fatto che stanno compiendo qualcosa di “buono” davanti agli occhi di molti. A chi stanno facendo un dono? a chi tende loro la mano od al proprio ego?

Essere vegetariani perché si vuole dimagrire, perché si vuole evitare un tumore al colon o perché si è deciso che il pianeta non può tollerare l’umana invenzione dell’allevamento intensivo è una azione buona o mira semplicemente a salvaguardare prima di tutto noi stessi?

Se la carne non facesse male e si inventassero gli allevamenti intensivi ad impatto zero, allora mangiare carne sarebbe una azione eticamente neutra, un po’ come uno starnuto?

Nel prossimo articolo, indagheremo insieme le possibili risposte 🙂

Seitan e Tofu alleati della forma fisica

Qui niente colesterolo!

Qui niente colesterolo!

Probabilmente chi è vegetariano o vegan non sarà stupito dal titolo di questo articolo. In effetti è piuttosto semplice capire che se vogliamo dimagrire o semplicemente vivere sani (e più a lungo!) è di fondamentale importanza ridurre l’apporto dei grassi nella nostra dieta, discorso che vale in particolare per i pericolosi grassi saturi di origine animale. In questo compito, non sempre facile (soprattutto per ragioni di gola e di abitudini alimentari errate) il seitan ed il tofu sono due preziosi alleati.

Il seitan presenta un profilo nutrizionale del tutto eccezionale, con un apporto proteico decisamente elevato (18 grammi per ogni 100 grammi di prodotto, cioè il 18%) ed un bassissimo apporto di grassi, poco più dell’uno per cento, a fronte di una totale assenza di grassi saturi.

Il tofu invece contiene generalmente una quantità di proteine inferiore, ma ha dalla sua il vantaggio (essendo derivato dalla soia e da Bioenergy la soia è OGM-FREE!) di apportare tutti gli amminoacidi essenziali al corretto funzionamento del nostro organismo.

E il colesterolo come va? siete per caso costretti ad assumere farmaci per ridurlo o siete addirittura invogliati da sospette pubblicità di miracolosi barattolini che promettono di eliminare il vostro problema?

Perché non evitare tutto questo e non cominciare a non nutrirci di elementi di origine animale? Che senso ha nutrirsi male per poi assumere farmaci e magari poi altri farmaci per eliminare gli effetti collaterali dei primi? Tofu e seitan non hanno nemmeno un grammo di colesterolo, la bistecca che avete nel piatto invece sì.

Entrambi i prodotti posseggono inoltre un apporto calorico davvero moderato e si prestano ottimamente (nelle giuste quantità!) ad aiutarci a raggiungere una corretta forma fisica, andando a sostituire in toto od in parte i prodotti di origine animale.

Se ancora non siete vegetariani, perché non provare le nostre preparazioni a base di tofu e seitan?

P.S.: nella foto in alto, potete “ammirare” una preparazione ottenuta con il nostro seitan e del formaggio vegan, tutto sapore e niente colesterolo! Chi l’ha detto che per dimagrire e sentirsi bene bisogna mangiare solo insalata?! 😉

Vegetariani e Vegani Famosi!

Paul Mc Cartney

Paul Mc Cartney

 

Ecco per voi la pagina di vegInfo che riporta le foto e le frasi di alcune persone famose che hanno scelto di rispettare la natura cambiando prima di tutto il loro modo di approcciarsi al cibo, riconoscendo la differenza tra ciò che è cibo e ciò che invece è qualcuno da rispettare.

Auguriamoci un mondo dove le parole “allevamento” e “macellazione” siano solo un lontano, terribile ricordo e dove l’uomo divenga il protettore della Terra, invece che rivestire, come oggi, i panni del suo carnefice.

Con l’impegno e la forza di volontà, anche nelle nostre piccole battaglie quotidiane nello spiegare agli altri il perché della nostra scelta, si possono davvero fare miracoli. Non perdete la fiducia!

Parliamo di Tofu e di Calcio…

Tofu-beijingchina

Perché il tofu è tanto importante? E’ vero che il latte vaccino ed i suoi derivati sono l’unica fonte di calcio per gli esseri umani?  Vi invitiamo a leggere ed a discutere con noi questo articolo di Scienza Vegetariana.

Tag Cloud